Visualizza tutte le promozioni attive al momento! Scopri

Blog

Moto GP 2021: GP di Francia – Report della gara

by Newgioco Staff
17 Maggio 2021

Moto GP – Le Mans, quinta tappa del motomondiale.

Jaaaaaaaaaaack Miller! E’ l’urlo dei telecronisti, quando vedono una saetta australiana tagliare il traguardo. Un urlo carico di emozione, dopo una gara di Moto Gp di quelle che vale la pena rivedere più volte. Una gara mozzafiato. E la domina lui. L’uomo saetta australiano, in sella a un bolide tricolore. Vederlo alla fine bere champagne direttamente dal proprio stivale, è una di quelle goliardiche cafonate che perdoniamo a chi vince.

Jack fa sognare il popolo Ducati, ripetendosi sul gradino più alto del podio dopo la vittoria sul tracciato di Jerez che aveva visto la doppietta della casa di Borgo Panigale. Stavolta la protagonista di questa gara di Moto GP (oltre a Miller, of course) è stata la pioggia. Fino al quarto giro, tutto regolare, asfalto asciutto e andamento piacevole con i piloti super concentrati. Poi la pioggia. E pure forte.

L’asfalto diventa viscido, e le strategie sia dei piloti che dei team vanno a farsi benedire. In molti lottano per tenere in equilibrio la moto, in parecchi finiscono ad abbracciare il fondo stradale. Alcuni invece, su questo fondo, si esaltano. E tra questi, Miller diventa imprendibile e va a vincere. E come vince Miller! A causa di “eccesso di velocità nei box” i giudici di gara gli danno due long lap penalty, ma Jack ne ha di più di tutti e sul finale (mentre sul tracciato torna a splendere il sole) l’australiano taglia per primo il traguardo, aggiudicandosi questa quinta tappa del mondiale Moto GP.

Dietro di lui arriva un altro dei nostri piloti preferiti: Johann Zarco. Il ragazzo, alla guida dell’altra Ducati, quella del Pramac Racing Team, si è dimostrato ancora una volta un pilota serio, attento, ma soprattutto costante nei risultati. Oltre alla doppietta Ducati, Johann è protagonista anche di una gara sontuosa, in particolar modo nella fase centrale della corsa, dove è più veloce di tutti, e mette dietro di sé Fabio Quartararo a guardare gli scarichi e conquista la seconda piazza. Bel lavoro Johann!

Avevamo accennato a Quartararo. Il ragazzo doveva essere la punta di diamante di un week-end all’insegna di Yamaha. Ma se la casa dei tre diapason non ha di certo brillato, il voto positivo tuttavia lo prende (e anche largamente) El Diablo. Non lasciatevi ingannare, il gradino più basso del podio non è di certo un risultato negativo, tutt’altro. Lo rivela lo stesso Fabio nelle interviste post gara: ai microfoni dei giornalisti il francese ha spiegato che nelle FP3 in condizioni miste aveva avuto molte difficoltà, inoltre era incerto sulle proprie condizioni di salute. E allora questo è un terzo posto che conta come una vittoria, anche perché per il momento Fabio guarda tutta la classifica piloti Moto GP dall’alto della prima posizione. Tres bien, Fabio!

Nella preview della gara, avevamo fatto un analisi relativamente alle possibilità di vittoria di Pecco Bagnaia, compagno di Miller su Ducati Lenovo Team. La prima vittoria in Moto GP non è arrivata, anzi Bagnaia ha chiuso al quarto posto. Ma non bisogna guardare solo il risultato finale: in una gara difficile, Pecco fa click e si accende. E con il coltello tra i denti, risale dalla sedicesima posizione fino al quarto posto. A noi piacciono le gare così, e facciamo forte il tifo per Pecco. Solo un punto lo separa da Quartararo, e la prossima sfida si corre al Mugello…

Dalla quinta alla decima posizione si alternano belle e piacevoli sorprese (Danilo Petrucci quinto), e lodevoli conferme. Sesto Alex Marquez, saldo e affidabile come sempre; poi Nakagami, Pol, Lecuona e infine Vinales, che abbiamo visto in difficoltà in questa tappa della classe regina.

Ma ora inizia la lunga lista dei musi lunghi (perdonateci il gioco di parole). Parliamo dei delusi, di quelli che avrebbero volentieri barattato un secondo o due con una propizia danza del sole. I piloti che pagano il dazio al meteo in questa gara di Moto GP sono diversi. Partiamo da Marc Marquez. Il ragazzo vola, con il passo di gara un po’ folle che lo contraddistingue, e che paga rispetto al timore dei colleghi. Al cambio moto il Cabroncito è addirittura davanti a tutti gli altri, e macina vantaggio. Poi però gli dei della Moto GP decidono di punirlo, e Marquez finisce a terra.

Con la testardaggine che è propria dei Catalani, risale in moto e riparte. E ricade. E lì non può fare molto. Ma anche qui, sbaglia chi guarda solo la classifica finale. La nota è “Marquez è sempre Marquez” aggressivo e combattivo. Chi vuole dimenticare in fretta questo week end di Moto GP è sicuramente Suzuki, con i due piloti che stanno ancora togliendo la ghiaia dalle tute. Doppio ko pesantissimo. Infine Il Dottore che taglia il traguardo in undicesima posizione. Parafrasiamo il grande Guido Bagatta, e con l’amaro in bocca dobbiamo dire “Rossi non c’è, Rossi non c’è”.

Prossima gara il Mugello. Ribadiamolo. Arriva il Mugello! Ma che gran bel mondiale Moto GP è quello di quest’anno?

Moto GP Jack Miller Le Mans

Photocredits: eurosport.com

L’ORDINE D’ARRIVO

PILOTADISTACCO
Jack Miller
Johann Zarco+3.970
Fabio Quartararo+14.468
Francesco Bagnaia+16.172
Danilo Petrucci+21.430
Alex Marquez+23.509
Takaaki Nakagami+30.164
Pol Espargararo+35.221
Iker Lecuona+40.432
Maverick Viñales+40.577

CHI VINCERA’ LA PROSSIMA TAPPA DI MOTO GP? SCOPRI LE QUOTE DI NEWGIOCO, CLICCA QUI!