Visualizza tutte le promozioni attive al momento! Scopri


Warning: call_user_func() expects parameter 1 to be a valid callback, class 'ET_Builder_Module_Helper_Style_Processor' does not have a method 'process_extended_icon' in /home/customer/www/blog.newgioco.it/public_html/wp-content/themes/Divi/includes/builder/class-et-builder-element.php on line 19309

Blog

NFL 2020-2021: iniziano i Playoff!

by Newgioco Staff
4 Gennaio 2021

NFL – Si è da poco conclusa la diciassettesima e ultima giornata di Regular Season per il football americano, la stagione più strana di sempre, a causa della pandemia Covid. Eppure lo sport americano per eccellenza, il football americano, è qui a dire a voce alta come farebbero i tifosi sugli spalti (se ce ne fossero) “Not in my house“, non in casa mia. Sì perché l’NFL ha un primato che va registrato, va visto con attenzione, perché è indice di quanto questo sport sia in salute. Di tutte le leghe sportive professionistiche negli Stati Uniti l’NFL è l’unica ad aver disputato una stagione come se non fosse successo nulla, almeno al calendario.

Nessuna partita cancellata, tutte le partite sono state giocate regolarmente dalle 32 franchigie, negli stadi di casa. “Not in my house“, di nuovo. L’NFL ha vinto, sul campo e sul piano dell’immagine.

NFL

E c’è un altro dato che non può essere sottovalutato. “The Brady Effect“, l’effetto Tom Brady. Per molti IL Quarterback. Colui che incarna l’essenza del ruolo più famoso, è già una leggenda, ma ancora in attività. Come per molti giganti delle discipline sportive, riportare i numeri del suo palmares non ha senso. I numeri offendono un atleta così. Eppure dicevamo The Brady Effect. Che potremmo riassumere con la capacità di un singolo giocatore di spostare gli equilibri di un’intera franchigia.

Chiedere ai New England Patriots e ai Tampa Bay Buccaneers. I primi vi risponderanno mugugnando che è vero, con la fiera dignità tipica degli abitanti nella Nuova Inghilterra. I secondi non vi rispondono. Stanno ancora festeggiando.

Portiamo le lancette indietro di un anno: i Patriots vengono travolti a sorpresa dai Titans durante il turno delle wild card, sì. Ma si tratta comunque dei Playoff. Ci sono arrivati. E ci arrivano ininterrottamente dal 2008. E quando ci arrivano, poi vanno in finale. E spesso vincono. 11 volte finale NFL, record; 6 vittorie, record (a pari merito con Pittsburgh). Non è una franchigia, è una dinastia. E dal 2001 questa macchina ha al timone due capitani. Da una parte Bill Belichick, il capo allenatore.

Ecco, se nel dizionario della NFL cercaste il sinonimo di dedizione alla causa, vi rimanderebbe alla lettera B, Bill Belichick. Uno che ha iniziato nel ’75 come assistente allenatore per 25 dollari a settimana. Ed è cresciuto, anno dopo anno, fino a diventare uno degli head coach più vincenti di sempre. E poi c’è Brady; che non va considerato un’estensione della volontà di Belichick (e a breve vedremo il perché), ma come un timoniere che sa perfettamente come governare la squadra, e per uno scherzo del destino, la sua volontà è la stessa di Belichick: vincere.

E nel 2020, alla fine della stagione, le strade dei due si separano. Brady fa i bagagli, direzione Tampa Bay. E qui avviene lo spostamento di equilibri. Perché Brady non è l’estensione di un allenatore, per quanto unico. Brady è un uomo franchigia, uno che si carica sulle spalle una squadra che non partecipa ai Playoff dal 2007 (sì avete letto bene), e la porta a giocarsi questa chance al suo primo anno da Quarterback della squadra. Dall’altra parte, i Patriots quest’anno non andranno ai Playoff, per la prima volta dal 2008.

Nel frattempo Brady ha avuto il tempo di sposare una supermodella, e di fare, tramite i suoi canali social, anche da insegnante di lifestyle, di sponsorizzare campagne di beneficenza e di partecipare a commedie di Hollywood (Vedi Ted 2). Abbiamo parlato in un recente articolo dell’importanza delle icone nello sport americano, e Tom ha già prenotato il suo posto nei libri di storia.

NFL Tom Brady
Photo Credits: Clutchpoints.com

Ma torniamo ora a parlare di ciò che ci aspetta per il futuro di questa NFL. Solamente due squadre potranno usufruire del turno di riposo, ovvero le due vincitrici delle rispettive conference: i Green Bay Packers per la NFC (National Football Conference) e i Kansas City Chiefs per la AFC (American Football Conference). Si tratta di un formato del tutto nuovo per la NFL, che condurrà così le altre 12 qualificate (per un totale di 7 qualificate per ogni conference) a giocarsi il passaggio al turno successivo nel cosiddetto wild card round. Vediamo di seguito quali sono le qualificate per ogni conference, con relativa classifica e numero di incontri vinti/persi/pareggiati:

AFCNFC
1. Kansas City Chiefs ( 14/2)1. Green Bay Packers (13/3)
2. Buffalo Bills (13/3)2. New Orleans Saints (12/4)
3. Pittsburgh Steelers (12/4)3. Seattle Seahawks (12/4)
4. Tennesee Titans (11/5)4. Washington Football Team (7/9)
5. Baltimore Ravens (11/5)5. Tampa Bay Buccaneers (11/5)
6. Cleveland Browns (11/5)6. Los Angeles Rams (10/6)
7. Indianapolis Colts (11/5)7. Chicago Bears (8/8)
Le qualificate ai Playoff

Al via dunque i primi incontri a partire dal 9 Gennaio. Qui di seguito il calendario degli incontri:

Sabato 9 gennaio
Ore 19 italiane: Buffalo-Indianapolis
Ore 22.40: Seattle-Los Angeles
Ore 2.15: Washington-Tampa.
Domenica 10
Ore 19: Tennessee-Baltimore
Ore 22.40: New Orleans-Chicago
Ore 2.15: Pittsburgh-Cleveland.

Chi vincerà il Superbowl quest’anno?

Le quote di Newgioco.it prevedono che si confermeranno campioni i Kansas City Chiefs, la cui vittoria finale è data a 3,10. Possibilità anche per Green Bay Packers e Buffalo Bills, rispettivamente dati come vincenti a 5,50 e 7,75 e infine per i New Orleans Saints, quotati dai bookmaker Newgioco a 8,25. Su Newgioco troverai anche le quote per i vincitori delle finali di conference!

Tutte le news sugli sport americani, nella sezione Sport News del nostro Blog!